Top Story

smart working

Qualità della vita: chi lascia il posto fisso

25 March 2022

di Giovanni COSTA

Il tema dei movimenti sul mercato del lavoro è da un po’ di tempo molto presente nel dibattito economico e politico in Usa e in Europa. In Italia, con un aumento delle dimissioni volontarie nei primi 9 mesi del 2021 di oltre il 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (fonte Prometeia-Legacoop), i movimenti hanno assunto le dimensioni di un grande esodo da posizioni di lavoro anche solide.

E le sostituzioni con persone adeguate incontrano difficoltà nonostante gli alti livelli di disoccupazione.

Continua a leggere

SWIFT Russia Ucraina

Misure restrittive UE vs Russia: SWIFT e il congelamento delle risorse economiche

23 March 2022

di Nicola MITIDIERI

L’Unione Europea (“UE”) ha adottato una serie di misure restrittive(1)(2) atte a fronteggiare l’aggressione militare nei confronti dello Stato dell’Ucraina, imponendo restrizioni al mercato dei capitali russi all’interno dell’UE.

Sono state erogate sanzioni restrittive personali nei confronti di taluni oligarchi russi preventivamente individuati e sanzioni economiche comprendenti – inter alia – il divieto di effettuare operazioni con la Banca Centrale Russa e con la Banca Centrale Bielorussa, il blocco dell’accesso dello SWIFT (per ora limitato solo a talune Banche) e, da ultimo, il divieto di fornire banconote in euro agli Stati aggressori.

Continua a leggere

PIAO-Piano-Integrato-Attivita-Organizzazione

PIAO: da strumento di semplificazione a primo passo verso la compliance integrata

21 March 2022

di Matteo CORBO

La centralità della semplificazione amministrativa e normativa per il rilancio del Paese è stata chiaramente affermata nel PNRR, che ha anzi richiesto sul punto un “impegno sistematico” al Legislatore.

Infatti, “è necessario ora dedicare attenzione continuativa all’obiettivo di semplificazione”, in quanto in passato si sono avute soltanto “semplificazioni sporadiche, legate a esigenze contingenti” (PNRR)(1).

Tale percorso non potrà non avere conseguenze sul piano della lotta alla corruzione, in maniera articolata.

Infatti, uno dei principi basilari dell’anticorruzione è senz’altro la semplificazione in quanto è “nella tortuosità delle procedure che fiorisce la corruzione” (S. Cassese)(2).

Continua a leggere

FED Powell rialzo tassi recensione lontana

La FED alza i tassi, per Powell la recessione è lontana

17 March 2022

di Ivo INVERNIZZI

Un soft landing “nella foschia della guerra”, ma la guidance hawkish permane

Il periodo anteriore all’intervento monetario Fed di marzo, aveva diffuso sui mercati il sentiment di una Fed in modalità ‘risk management‘. Lo scenario bellico presentava tre rischi:

la pandemia (tema trascurato, dopo l’intervento militare in Ucraina); il blocco nel flusso di materie prime (petrolio, gas, grano, metalli); l’inflazione alta e in aumento.

In un contesto di guerra a evoluzione incerta, il presentimento diffuso tra gli investitori era che Powell potesse basarsi meno su modelli quantitativi e più su esperienza e istinto, approcciandosi ai mercati come un autentico ‘risk manager’.

Una recente dichiarazione del numero uno della Fed aveva alimentato le aspettative di rialzo dei tassi già in marzo: «Con un’inflazione ben al di sopra del 2% e un mercato del lavoro forte, prevediamo che sarà opportuno aumentare la fascia obiettivo per il tasso sui Fed Funds durante il nostro meeting di fine mese».

Continua a leggere

impatto-conflitto-Russia-Ucraina

L’impatto del conflitto Russia-Ucraina sull’informativa finanziaria al 31 dicembre 2021

16 March 2022

di Antonio ROSSI

Il conflitto Russia – Ucraina, oltre a rappresentare una catastrofe dal punto di vista umanitario e sociale è un evento che dev’essere valutato nell’ambito dell’informativa finanziaria al 31 dicembre 2021.

Come previsto dai principi contabili nazionali e internazionali, ai fini della predisposizione del bilancio, gli Amministratori devono tener conto dei “Fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio” e pertanto anche i revisori contabili, sulla base di quanto previsto dal ISA 560, devono esperire una serie di procedure anche coadiuvati, eventualmente, da un esperto di frodi (c.d. Fraud Specialist).

Continua a leggere

Environment Social Governance.jpg

ESG 360: La tassonomia sociale della UE ad integrazione di quella ambientale

14 March 2022

di Francesco Domenico ATTISANO 

Premessa

Quando si parla di sostenibilità e di finanza sostenibile, non bisogna erroneamente fermarsi al tema dell’ambiente, al climate change, al carbon neutral, al solo green. Stesso dicasi, quando parliamo di ESG. La E di environment è importantissima ma lo sono altrettanto la G (governance) e la S (Social).

È, infatti, ormai riconosciuto che le imprese devono mostrare rispetto per i diritti umani come previsto dai principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (UNGP).

Continua a leggere

Lagarde-BCE-Ucraina-Crisi

L’inflazione, la guerra, e la BCE al bivio

11 March 2022

di Ivo INVERNIZZI

BCE alle prese con lo spettro della stagflazione

L’arrivo del conflitto russo-ucraina pareva aver fatto superare il tono ‘hawkish’ assunto dalla BCE nella prima parte del 2022. In sostanza, la guerra avrebbe a radicalmente ‘registro’ alla BCE, con una Lagarde che, pur non escludendo categoricamente aumenti di tasso nel 2022, sottolineava «unanime preoccupazione» nel Governing Council riguardo all’inflazione.

Il 24 febbraio Lagarde aveva replicato all’invasione russa affermando che: “la banca centrale adotterebbe tutte le misure necessarie” per stabilizzare l’economia dell’area euro. Per BCE, la paura di un tightening nei tassi prematuro aveva passato il testimone al timore di un ‘falling behind the curve’.

La domanda che si ponevano molti era se BCE, dopo l’impostazione hawkish di febbraio, svoltasse di nuovo in senso ‘dovish’ in risposta alla guerra, annunciando il rinforzo degli strumenti finalizzati alla stabilità finanziaria e anti-frammentazione.

Continua a leggere

controllo-identità-digitale

I problemi con le tecnologie di identificazione a distanza

09 March 2022

di Andrea DANIELLI e Jacopo BOSETTI

Il tema dell’identificazione a distanza è legato alle tecnologie di identità digitale presenti e future, a come le stesse tecnologie vengono utilizzate per effettuare il riconoscimento dei clienti ed ai rischi di frode che devono contrastare.

L’occasione ci viene offerta dal recente rapporto dell’ENISA(1), ossia l’Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza informatica, che si concentra sulla necessità di verificare in modo efficace l’identità di un cliente da remoto sulla scia dei cambiamenti generati dallo scoppio della pandemia da COVID-19.  A causa delle circostanze straordinarie a cui la diffusione del virus ha costretto il mondo intero, si sono moltiplicate le segnalazioni di frode da parte di truffatori che mirano a trarre profitto dall’identificazione non in presenza, aggirando i sistemi di riconoscimento facciale.

Per tale ragione, il rapporto analizza le principali tipologie di attacco in tale ambito così come le contromisure che possono essere implementate per farvi fronte.

Continua a leggere

Ombudsman-BCE

Il pantouflage in salsa europea: il caso BCE

07 March 2022

Redazione

Il Difensore Civico europeo (European Ombudsman) ha avviato un’indagine sul passaggio di personale della Banca Centrale Europea (BCE) al settore privato. L’Autorità di Vigilanza intende accertarsi che la BCE abbia adottato tutti i provvedimenti necessari per la prevenzione di un eventuale conflitto di interessi(1).

L’Ombudsman europeo (Difensore Civico) è un organo – indipendente e imparziale – previsto dal Trattato sul Funzionamento dell’UE con sede a Strasburgo ed eletto dal Parlamento europeo per la durata della legislatura e il suo mandato è rinnovabile. Attualmente, il ruolo è ricoperto all’irlandese Emily O’Reilly. Il suo ruolo è vigilare sulle istituzioni e agenzie dell’EU per garantire il livello più elevato possibile di buone pratiche amministrative a vantaggio dei cittadini dell’Unione.

Continua a leggere

consapevolezza e gestione risico

La gestione del rischio e l’importanza della consapevolezza

04 March 2022

di Geert HAISMA

La gestione del rischio viene spesso eseguita nella seconda linea di difesa, mentre in realtà dovrebbe essere eseguita nella prima linea.

Dopotutto, è la prima linea quella responsabile della mappatura dei rischi che ritiene rilevanti e della gestione di questi rischi con misure adeguate. Va detto, che la prima linea non sempre riconosce l’importanza e il valore aggiunto del risk management anzi può percepirla come un’attività burocratica. Il fatto che le prime linee non riconoscano il valore aggiunto del risk management è dovuto, soprattutto, alla mancanza di conoscenza(sapere) ed esperienza.

Infatti, l’ignoto non piace.

Vediamo qui, in dettaglio, come si può procedere in maniera efficace e con successo.

Continua a leggere