Andrea Di Corrado

Andrea Di Corrado

AML Professional Analyst c/o ICCREA Banca S.p.A.
Con oltre dieci anni di esperienza nel contrasto al riciclaggio e finanziamento del terrorismo e circa cinque anni in funzioni di Compliance sui servizi di investimento, ha ricoperto ruoli di analista senior presso importanti realtà finanziarie e bancarie occupandosi a 360 gradi del processo AML: dalla due diligence alla enhanced due diligence, alle segnalazioni di operazioni sospette ed al monitoraggio normativo e di gap analysis.

Ha un master in Homeland Security e uno in Antitrust e Regolazione dei mercati, è un appassionato di criptovalute, open source intelligence, Humint, fintech, economia civile e si sta formando nell’ambito dell’AI sotto un profilo olistico, privilegiando l’analisi lato umanistico, etico e filosofico di questa rivoluzione.
Crimini ambientali e riciclaggio, un nuovo programma UE per il contrasto

Crimini ambientali e riciclaggio, un nuovo programma UE per il contrasto

5 giugno 2024

di Andrea DI CORRADO

Che la criminalità organizzata fosse legata ai così detti reati ambientali è un fatto noto da tempo, quello che sorprende è come tale fenomeno da locale sia diventato sempre più transnazionale, coinvolgendo una pluralità di attori in contesti economici e sociali non sempre trasparenti e molto spesso in paesi in cui la corruzione dilaga e le libertà e diritti sociali e civili vengono costantemente minacciati.

L’assioma criminalità organizzata ed ambiente appare quindi avere un lungo legame proveniente dal passato; eppure, nonostante diversi organismi sovranazionali (UE, FPI(1), United Nations) abbiano sempre sollevato la questione delle politiche e dei controlli a livello internazionale, sembra che i vari stati e regolatori siano sempre stati un passo indietro rispetto ai fenomeni criminali ed allo sfruttamento di flora, fauna e risorse naturali.

Continua a leggere
Contrasto al riciclaggio e alla corruzione, la doppia sfida della PA

Contrasto al riciclaggio e alla corruzione, la doppia sfida della PA

8 maggio 2024

di Andrea DI CORRADO

Riciclaggio e corruzione rappresentano due fenomeni in grado di alterare l’economia ed il mercato, influire sulla fiducia dei cittadini nelle istituzioni e, nei casi di maggior rilievo, rappresentare una vera minaccia ai valori democratici.

Entrambi i reati si sono evoluti nel tempo tendendo sempre di più a svolgersi oltre i confini nazionali, sfruttando arbitraggi normativi e/o opacità nelle legislazioni nazionali(1).

Da un punto di vista fenomenologico, la combinazione di queste due forme di white collar crimes è particolarmente frequente e oggi rappresenta lo strumento che consente alla criminalità organizzata di occupare ed alterare interi cicli economici in aree territoriali sempre più estese.

Continua a leggere
Il riciclaggio (non) è un lusso. Nuovi adempimenti e sfide dell’AML package

Il riciclaggio (non) è un lusso. Nuovi adempimenti e sfide dell’AML package

10 aprile 2024

di Andrea DI CORRADO

La normativa sul contrasto al riciclaggio è senza alcun dubbio una delle normative maggiormente soggetta ad aggiornamenti ed evoluzioni proprio in ragione della natura dei valori che cerca di preservare, tra tutti riveste un ruolo cardine la tutela della legalità dell’economia.

Nel corso degli anni dal lontano 1991(1) ad oggi l’alveo dei soggetti obbligati e gli approcci dell’Unione europea in primis e dei regolatori nazionali a cascata, ha subito diverse implementazioni.

Se dapprima il focus era prettamente rappresentato da intermediari creditizi e finanziari, con le evoluzioni della finanza e della tecnologia (Fintech), il peso delle norme è stato via via esteso a diversi e complementari soggetti.

Continua a leggere
Orientamenti di Banca d’Italia su requisiti e idoneità degli esponenti aziendali

Orientamenti di Banca d’Italia su requisiti e idoneità degli esponenti aziendali

26 febbraio 2024

di Andrea DI CORRADO

L’autorità di vigilanza ha pubblicato i suoi orientamenti in materia di valutazione dei requisiti e criteri di idoneità allo svolgimento dell’incarico degli esponenti aziendali delle banche LSI(1), degli intermediari finanziari, dei confidi, degli istituti di moneta elettronica, degli istituti di pagamento, delle società fiduciarie e dei sistemi di garanzia dei depositanti(2).

Con il termine “esponenti aziendali(3)” ai sensi del Decreto si intendono tutte le persone che svolgono incarichi presso il Consiglio di amministrazione, il consiglio di sorveglianza, il consiglio di gestione, presso il collegio sindacale, di direttore generale, comunque denominato e per le società estere, si considerano gli incarichi equivalenti in base alla legge applicabile alla società.

Continua a leggere
egolamento-sui-bonifici-istantanei

Nuovo regolamento sui bonifici istantanei, dai vantaggi ai nuovi adempimenti

24 novembre 2023

di Andrea DI CORRADO

La proposta di Regolamento sui bonifici istantanei pubblicata a novembre 2022 dalla Commissione UE(1) e vagliata dal Consiglio UE a maggio 2023,(2) comporterà una serie di vantaggi per i consumatori/clienti bancari e non trascurabili nuovi adempimenti in capo agli intermediari finanziari.

Lo scopo principale delle nuove norme è sicuramente quello di accelerare l’adozione degli instant payment nonché di armonizzare anche i costi che, secondo diverse analisi da parte dell’UE e di Banca d’Italia, possono rappresentare ancora un ostacolo alla maggiore diffusione di questa modalità di pagamento all’interno dell’UE.

Continua a leggere
Banca italia AML

La nomina dell’Esponente Responsabile AML: analisi del Provvedimento di Banca d’Italia

23 agosto 2023

di Andrea DI CORRADO

Il 1° agosto 2023 dopo una consultazione con gli operatori interessati è finalmente stato pubblicato il Provvedimento di Banca d’Italia che modifica le “Disposizioni in materia di organizzazione, procedure e controlli interni in materia antiriciclaggio”(1).

Il provvedimento vede come destinatari tutti i soggetti già elencati nelle disposizioni pubblicate il 27 marzo 2019 (Banche, IMEL; IP, Poste Italiane per il patrimonio separato BancoPosta, CDP, SGR, SICAV, SIM, società fiduciarie) con l’eccezione dei Confidi minori in quanto non più assoggettati alla vigilanza di banca d’Italia in ambito antiriciclaggio(2).

Grande enfasi è stata posta sulla nomina dell’Esponente Responsabile dell’antiriciclaggio; viene infatti ribadita la necessità (chiarita anche dagli ultimi orientamenti dell’EBA)(3) di prevedere che nell’organo di amministrazione (Consiglio di Amministrazione) vi sia una figura con specifiche competenze in termini di individuazione, valutazione e gestione del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo.

Continua a leggere