Ivo Invernizzi

Ivo Invernizzi

Vice Presidente AnalisiBanka
Vicepresidente Associazione dei professionisti di banca AnalisiBanka .

Laurea in Economia Aziendale all'Università Bocconi. Pluriennali esperienze presso la direzione finanza di Banco BPM come trader, analista finanziario, controller, tesoriere, monitoraggio e reporting; dal 2019 è entrato nel team property portfolio management banking books. Ha perfezionato la conoscenza delle politiche monetarie Fed seguendo il corso ‘Central Banks and Monetary Policy’ di Gies College of Business – University of Illinois Urbana Champaign.

Appassionato dei mercati finanziari e di banca, dal 2015 collabora con l'Università degli Studi di Brescia, dipartimento di Economia e Management corso di Tecnica degli Investimenti e dei Finanziamenti e dal 2021 con l'Università degli Studi del Piemonte Orientale "A.Avogadro", Dipartimento per gli Studi dell'Economia e l'Impresa, corso di Economia del Mercato Mobiliare. Dal 2022 con l'Università di Macerata, Dipartimento di Economia e Diritto, corso di Economia e Strumenti degli Intermediari Finanziari e con l'Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Statistiche, corso Economics of Financial Markets e con il Master in Accounting e Auditing dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, corso di Financial Markets, con l'Università degli Studi Roma Tre, Dipartimento di Economia Aziendale, corso di Economia del Mercato Mobiliare. Dal 2023 con l’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Management, corso di Investimenti e Mercati Finanziari.

Contatto: invernizziivo@analisibanka.it
Sito Internet: www.analisibanka.it.
FED Report Powell luglio 2023

La FED alza di 25 basis point. Powell: non rimanderemo ogni volta al meeting successivo

27 luglio 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. I mercati anticipano la fine dell’‘incubo inflazione’

Alla vigilia del meeting monetario Fed del 26 luglio 2023, gli esperti attendevano che Powell affermasse che il rafforzamento dei tassi era probabile, pur mantenendo l’opzione dello stand-by.

La maggior parte dei membri del FOMC riteneva necessario un riequilibrio tra domanda e offerta che consentisse un ritorno al consolidamento dei tassi. Il raffreddamento dell’economia statunitense si stava concretizzando con lentezza, pur essendo accompagnato dalla prosecuzione della disinflazione.

Il rialzo di tassi di 25 basis point era scontato dai mercati e il fulcro delle attese ruotava intorno alla guidance di politica monetaria esposta in call da Powell:

dipendenza dai dati; 2% d’inflazione (target Fed); ‘tightening bias’ (rialzo di tasso immediato e ‘forse’ ulteriori rialzi); ridurre l’inflazione senza penalizzare la produzione. Continua a leggere
Lagarde-Giugno-2023

Lagarde alza i tassi nonostante la recessione

16 giugno 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. BCE conferma le pressioni inflazionistiche: ‘questa inflazione non ci piace’ ma ‘non c’è alcuna spirale salari-prezzi’.

In attesa del meeting monetario BCE del 15 giugno, seppure le ultime settimane rivelassero un contesto di mercato meno grave in termini di rischio derivante da episodi di stress nel settore bancario, era sentore comune che in tema di banche europee: ‘no news’ equivalesse a ‘good news’.

Lagarde avrebbe forse fronteggiato uno scenario macroeconomico meno minaccioso per BCE in termini di rischio sistemico e di conseguenza avrebbe potuto sentirsi meno limitata:

sul valore assoluto del tasso terminale; sull’intervallo temporale entro il quale i tassi potessero permanere ai massimi, prima di un eventuale cambio di direzione.

Gli esperti attendevano che nello Statement la strategia di comunicazione BCE si uniformasse al solito mood ‘data dependent meeting by meeting’.

Continua a leggere
Powell-Fed-Report

La Federal Reserve alla svolta: uno “skip” o una pausa sui rialzi di tasso?

15 giugno 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. Powell: il processo di riduzione dell’inflazione sarà ‘graduale’.

Alla vigilia del meeting monetario Fed del 14 giugno 2023, alcuni esperti prevedevano che il base case scenario più diffuso tra i componenti del FOMC fosse che il ciclo di tightening o volgesse al termine, seppure la recente retorica di alcuni funzionari Fed segnalasse ancora un orientamento hawkish. La policy di comunicazione della Fed suggeriva che il FOMC era tuttora diviso tra falchi, colombe e ‘attendisti’.

Continua a leggere
BCE-Lagarde-Maggio-2023

Il dilemma inflazione-stabilità finanziaria continua a sfidare la BCE

5 maggio 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. Per Lagarde: l’inflazione è ancora troppo alta e sui tassi ‘non abbiamo un numero magico’.

Nell’attesa del meeting BCE del 4 maggio, i mercati prevedevano che lo Statement monetario e le dichiarazioni di Lagarde si attenessero al consueto mantra dell’approccio ‘data dependent meeting by meeting’, al fine di contrastare l’inflazione. Le tensioni nel settore bancario dell’area euro iniziate in marzo, si erano rivelate meno più dannose del previsto per l’economia europea di quanto inizialmente temuto.

Tuttavia, la “linea di base” della BCE, delineata nel meeting di marzo sembrava ancora valida. A giudicare dai commenti formulati dai membri del Governing Council BCE, su questo c’era ampio consenso.

Analizziamo in breve il sentiment sull’economia e sull’occupazione in Europa proposto a fine aprile dalla Commissione Europea.

Continua a leggere
FED Report Powell Maggio 2023

La FED alza i tassi ancora, e incassa il colpo First Republic Bank

4 maggio 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. Difficile l’accordo nel FOMC sulla persistenza dei rialzi: tempo di una pausa?

Nei giorni antecedenti la decisione monetaria Fed del 3 maggio, il mercato attendeva che il presidente Fed Powell lasciasse aperta l’opzione di un ulteriore rialzo dei tassi. Il meeting del FOMC di maggio avrebbe rappresentato un punto di svolta nel ciclo di inasprimento della politica monetaria.

Una volta raggiunto il tasso massimo nelle sue proiezioni, il FOMC avrebbe introdotto un linguaggio condizionale che suggerisse uno stop ai rialzi, pur non chiudendo la porta a entrambe le scelte di rialzo o ribasso, evidenziando rischi di bilateralità sulla guidance monetaria.

È certo che, i mercati finanziari non amavano la vaghezza e il wording flessibile dell’istituto bancario centrale americano, reagendo con un aumento della volatilità. Tuttavia,

Continua a leggere
FED Report Powell SVB

Powell: nonostante Silicon Valley Bank, la lotta all’inflazione prosegue

23 marzo 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. Quando il gioco si fa duro, la Fed inizia a giocare Il 7 marzo 2023

Il presidente Fed Jerome Powell aveva segnalato durante la sua testimonianza al Congresso la volontà della Fed di invertire la sua decisione di ridurre il ritmo dei rialzi di tasso alla luce dei dati macro in entrata.

Per alcuni analisti della street, la Fed avrebbe concluso che tali sviluppi, uniti a segnali di stallo delle pressioni disinflazionistiche e di due crack bancari (SVB e Signature Bank) avrebbero giustificato una correzione di rotta sui rialzi in marzo. Gli esperti attendevano che il FOMC bloccasse il ciclo di rialzi dopo il meeting di giugno, partendo dal presupposto chiave che gli effetti dei rialzi sulla domanda di lavoro si verificheranno nei prossimi mesi man mano che i gap produttivi si ridurranno nei settori manifatturiero e delle costruzioni.

Continua a leggere
BCE Lagarde Banche Crisi

Lagarde: prima SVB e ora Credit Suisse in un “mondo che cambia”

17 marzo 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. BCE deve ‘correre ai ripari’ dall’effetto contagio, stabilità dei prezzi o stabilità finanziaria?

Prima del meeting monetario BCE del 16 marzo e purtroppo del tristemente celebre crack delle banche regionali americane Silicon Valley Bank e Signature Bank e dello stato di emergenza di Credit Suisse che avevano stravolto i mercati, diffondendo i timori di un contagio e crisi finanziaria, la presidentessa BCE Lagarde aveva ribadito l’impegno del Governing Council di attenersi alla dipendenza dai dati economici in uscita da marzo.

Il governatore della Banca di Francia Villeroy de Galhau aveva dichiarato che il Governing Council sarebbe stato “costretto ad aumentare i tassi ad ogni meeting da qui a settembre” ripetendo che i tassi sono stati “troppo volatili” e suggerendo un’apertura a ulteriori rialzi in estate.

Il vero problema era che, con la crisi di liquidità di SVB (venerdì 9 marzo) e le difficoltà di Credit Suisse connesse a presunte ‘debolezze nel reporting’ (martedì 14 marzo) la volatilità dei mercati era aumentata esponenzialmente nei tre giorni antecedenti il meeting.

Passiamo in rapida rassegna la fotografia di alcune variabili ‘macro’ – ante crisi bancaria – osservate alla fine di febbraio 2023.

Continua a leggere
BCE L'ora di Lagarde

L’ora di Lagarde

3 febbraio 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. Un rialzo di 50 basis point in febbraio: forse a marzo i tassi saliranno ancora

Le dichiarazioni rilasciate il 23 gennaio 2023 dal presidente della BCE Christine Lagarde alla Deutsche Boerse Annual Reception di Eschborn e i verbali della riunione BCE di dicembre 2022, avevano entrambi confermato il tono hawkish annunciato a dicembre 2022: ‘dobbiamo portare giù l’inflazione, e abbiamo chiarito che i tassi d interesse della BCE dovranno ancora aumentare significativamente a un ritmo costante per raggiungere livelli sufficientemente restrittivi e rimanere a quei livelli per tutto il tempo necessario..‘.

La guidance BCE sui tassi per la riunione di marzo e oltre sarebbe stata un tema caldo nello Statement monetario del 2 febbraio.

Anche i rischi per le prospettive economiche del vecchio continente a medio termine forse sarebbero stati affrontati a marzo o giugno.

Continua a leggere
FED Report Powell Lavoro da fare

Nel 2023 ancora una FED hawkish ma meno hawkish

2 febbraio 2023

di Ivo INVERNIZZI

1. La Fed alza i tassi ma a un ritmo inferiore

Prima dell’annuncio monetario Fed del 1° febbraio 2023, il rialzo dei tassi d’interesse che Jerome Powell avrebbe verosimilmente annunciato era nell’aria. Tale aumento, avrebbe confermato la policy Fed in territorio hawkish.

Tuttavia, la ’street’ riteneva che, per ridurre i rialzi di tasso il FOMC dovesse vedere prove convincenti del rallentamento dell’inflazione. In tal senso, i recenti cali sia dell’inflazione sia della crescita dei salari avevano concesso al FOMC più tempo per valutare gli effetti delle passate azioni restrittive di policy monetaria.

Continua a leggere
R&C_Intervista_IvoInvernizzi_202209_SitoR&C

Video-Intervista con Ivo Invernizzi: Inflazione UE – USA a confronto e la politica monetaria BCE

3 gennaio 2023

Redazione

Il ritorno dell’inflazione è il tema che ha dominato le decisioni di politica monetaria di Lagarde e di Powell ed il conseguente dibattito politico ed economico – al di qua e al di là dell’Atlantico -. Vero è che la crescita dell’inflazione e del prezzo dell’energia danneggia la posizione concorrenziale delle imprese europee anche sui mercati internazionali e, rispetto alle imprese americane e, danneggia le famiglie.

Abbiamo intervistato il dottor Ivo INVERNIZZI, che ha una pluriennale esperienza in ambito finanza in banca e si occupa tuttora di mercati finanziari per lavoro ma anche collabora con alcune primarie università.

Ivo ha un appuntamento fisso sulla Piattaforma con il commento “a caldo” delle decisioni monetarie di BCE e di FED. Qui trovate tutti i suoi articoli.

Continua a leggere