Cipriano Ficedolo

Avvocato penalista d’impresa, abilitato al patrocinio dinanzi alle Magistrature Superiori oltre a svolgere l’attività legale in favore di persone fisiche ed enti in ambito giudiziale, svolge l’attività di consulenza in materia di Compliance aziendale, avendo conseguito il titolo di Senior Compliance Manager rilasciato da Assocompliance, associazione professionale di cui è membro effettivo. Ha conseguito inoltre, un Master di II livello in materia di Responsabilità degli Enti ex D.Lgs. 231/2001. È membro di ODV nonché, consulente in materia di responsabilità degli enti. Ricopre il ruolo di General Counsel per diversi gruppi societari vantando una pluriennale esperienza in diritto penale societario, tributario, finanziario e fallimentare. È docente e relatore per diverse società di formazione. Contatto: info@studiolegaleficedolo.it
giudici corte di cassazione

L’evoluzione giurisprudenziale del reato di riciclaggio

02 December 2020

di Cipriano FICEDOLO

Una recente sentenza della Cassazione apre la riflessione sull’evoluzione giurisprudenziale del reato di riciclaggio.

Nel caso di specie (sentenza n. 32112/2020)(1), la II^ Sezione della Corte di Cassazione si è occupata del ricorso presentato da un indagato avverso un’ordinanza con la quale, il Tribunale di Messina, rigettava la richiesta di riesame avanzata avverso il decreto con cui il P.M., aveva convalidato il sequestro operato dai carabinieri, avente ad oggetto la somma di Euro 65.870 in relazione al reato ex art. 648bis c.p..

Continua a leggere

riciclaggio evoluzione giurisprudenziale

Il reato di riciclaggio presupposti ed evoluzione giurisprudenziale

25 November 2020

di Cipriano FICEDOLO

La recentissima sentenza in commento (sentenza n. 32112/20)(1), emessa dalla II^ Sezione della Suprema Corte di Cassazione offre degli spunti di notevole interesse per i temi trattati e le soluzioni offerte in tema di riciclaggio.

Prima di soffermarci sui temi propri della sentenza è necessario effettuare una breve panoramica sul reato di riciclaggio al fine di meglio perimetrare il delitto in oggetto.

Si intende comunemente per riciclaggio ogni attività diretta a far perdere al denaro oppure a beni o altre utilità economiche di provenienza delittuosa la riconoscibilità della loro origine illecita e/o ad immetterli nel ciclo economico-finanziario, investendoli in iniziative economiche lecite con il pericolo di alterare i meccanismi di mercato.

Continua a leggere

Direttiva PIF Evasione Fiscale

La Direttiva PIF e le normative italiane per eradicare l’evasione fiscale

12 October 2020

di Cipriano FICEDOLO

Il recepimento della direttiva PIF(1), non ha avuto però l’effetto travolgente che ci si aspettava in un primo momento poiché, si è innestata in un solco già tracciato che ha visto un importante svolta con l’adozione dell’art. 39, comma 1, del d.l. 124/2019(2) convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157, che ha elevato le pene della maggior parte dei reati tributari previsti dal d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74(3).

Continua a leggere

Direttiva PIF

La Direttiva PIF: applicazioni concrete in ambito societario

05 October 2020

di Cipriano FICEDOLO

Con il Decreto Legislativo n. 75 del 14 luglio 2020(1) è stata recepita nell’ordinamento italiano, la Direttiva (UE) 2017/1371 (cd. Direttiva PIF) del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2017,(2) recante norme per la “lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale”.

L’attuazione della suddetta Direttiva costituisce un ulteriore passo del percorso di armonizzazione delle misure in materia di tutela degli interessi finanziari dell’Unione Europea, iniziato con la ratifica ed esecuzione della legge n°300/2000, attraverso la quale, nel nostro ordinamento, è stata introdotta la responsabilità penale (rectius amministrativa) anche in capo alle persone giuridiche, meglio nota come D.Lgs. 231/2001(3).

Continua a leggere

Business Continuity Plan

La Business Continuity – Consigli pratici e nozioni da adottare in azienda

27 May 2020

di Cipriano FICEDOLO

Un’organizzazione deve sapere e deve pianificare come continuare la propria operatività in qualunque circostanza. Un buon approccio di continuità operativa, secondo le linee guida ISO 22301 deve saper riconoscere e prevenire le potenziali minacce che potrebbero colpire l’azienda ed analizzarne il possibile impatto sulle sue attività.

Un buon approccio consiste, prima di tutto, nel mitigare i rischi per evitare che incidenti si trasformino in disastri e, costruire una struttura operativa che permetta alle funzioni chiavi aziendali di continuare ad operare nelle peggiori situazioni che si potrebbero verificare.

Continua a leggere

Business Contingency Plan

Il Business Continuity Plan: la soluzione per evitare il blocco delle attività?

07 May 2020

di Cipriano FICEDOLO

CONSIGLI PRATICI E NOZIONI DA ADOTTARE IN AZIENDA

Mai prima d’ora avevamo assistito alla paralisi improvvisa di tutto il tessuto produttivo nazionale, salvo poche aziende strategiche ritenute strettamente necessarie. Era dal secondo conflitto mondiale che non si assisteva al blocco totale delle attività produttive nel nostro Paese.

Dal dopoguerra in poi, nonostante si siano verificate ciclicamente gravi calamità che pure hanno funestato l’Italia: alluvioni, terremoti, pandemie, tempeste, ma mai prima d’ora l’intero comparto industriale nazionale si era fermato nella sua interezza.

Continua a leggere

Prescrizione Penale

La Prescrizione nel Sistema 231: le sentenze della Cassazione

25 October 2019

di Cipriano FICEDOLO

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n.  30634/2019(1) è ritornata a trattare un argomento che, negli ultimi tempi, ha assunto un grande rilievo giuridico, ovvero la materia della prescrizione applicata alla normativa della responsabilità da reato degli enti(2).

L’importanza del tema trattato si fonda su di un contrasto giurisprudenziale che negli ultimi anni si è acuito in seno ai giudici di legittimità, tra la V sezione penale e le sezioni II e IV.

Il tema dibattuto riguarda gli effetti della prescrizione applicata alla normativa 231, ed in particolare l’art. 22 del D.Lgs. 231/2001 il quale, regola il predetto istituto giuridico.

Continua a leggere

231_Aziende

L’istituto della prescrizione nel sistema 231

16 October 2019

di Cipriano FICEDOLO

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n.  30634/2019(1) è ritornata a trattare un argomento che, negli ultimi tempi, ha assunto un grande rilievo giuridico, ovvero la materia della prescrizione applicata alla normativa della responsabilità da reato degli enti(2).

L’importanza del tema trattato si fonda su di un contrasto giurisprudenziale che negli ultimi anni si è acuito in seno ai giudici di legittimità, tra la V sezione penale e le sezioni II e IV.

Il tema dibattuto riguarda gli effetti della prescrizione applicata alla normativa 231, ed in particolare l’art. 22 del D.Lgs. 231/2001 il quale, regola il predetto istituto giuridico:

Continua a leggere

231-infortuni-lavoro

I reati penali dell’OdV e il rischio infortuni: la Cassazione e la dottrina

26 September 2019

di Cipriano FICEDOLO

La responsabilità penale dell’Organismo di Vigilanza ex D.Lgs 231/2001

La sentenza della Cassazione, n. 18168/2016(1), allo stato la prima ed unica sul tema, ha chiarito, anche se solo in parte, le responsabilità penali in capo all’OdV, statuendo che, i membri dell’Organismo di Vigilanza non possono essere ritenuti responsabili di avere omesso la segnalazione al C.d.A. e la mancata pretesa da parte di quest’ultimo e, dei direttori generali della società, di porre in essere ogni utile rimedio al fine di scongiurare le carenze in tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro che venivano puntualmente segnalate all’interno del cantiere.

Continua a leggere

231 infortuni lavoro

Responsabilità penale dell’OdV secondo la Cassazione

18 September 2019

di Cipriano FICEDOLO

La sentenza della Cassazione, n. 18168/2016(1), allo stato la prima ed unica sul tema, ha chiarito, anche se solo in parte, le responsabilità penali in capo all’OdV, statuendo che, i membri dell’Organismo di Vigilanza non possono essere ritenuti responsabili di avere omesso la segnalazione al C.d.A. e la mancata pretesa da parte di quest’ultimo e, dei direttori generali della società, di porre in essere ogni utile rimedio al fine di scongiurare le carenze in tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro che venivano puntualmente segnalate all’interno del cantiere.

Di conseguenza, non commettono il delitto di omissione dolosa di cautele antinfortunistiche i membri dell’Organismo di Vigilanza, qualora non siano provate le carenze e le manchevolezze dei presidi di sicurezza da essi dolosamente ignorate.

Continua a leggere