Smart-Working-Rischio

Il Coronavirus cambia il nostro modo di lavorare da remoto

31 March 2020

Redazione

La chiusura di scuole, università, aziende e, più o meno totalmente i luoghi di lavoro con decisione governativa e con l’obiettivo di arginare la diffusione del Coronavirus vede improvvisamente moltiplicarsi le connessioni da remoto alle reti aziendali e di scuole e università – mettendo a dura prova tutte le risorse online

Molte persone, abituate alla protezione offerta dalla rete aziendale/universitaria, si ritrovano – per la prima volta – a lavorare da remoto, spesso in condizioni vulnerabili.

La criminalità informatica fa leva sulla paura delle persone per il Coronavirus e sulla vulnerabilità – in molti casi – del lavoro da remoto per scatenare una miriade di attacchi informatici.

Lavorare e insegnare da casa all’inizio può essere scoraggiante, soprattutto per chi è abituato ad avere il supporto IT a portata di mano. Il vantaggio della connessione da remoto alla rete scolastica o aziendale è la flessibilità sul dove e come lavoriamo ma occorre non dimenticare le sfide ed i rischi potenziali per la sicurezza. Un breve vademecum con le istruzioni di base può aiutare tutti a stare online e connettersi alla rete scolastica o aziendale in tutta sicurezza.

  • Proteggi tutti i dispositivi con un sistema di sicurezza per Internet affidabile, compresi i dispositivi mobili (cellulare, tablet, laptop, etc.).
  • Applica sempre gli ultimi aggiornamenti disponibili ai sistemi operativi, ai software.
  • Utilizza solo app di fornitori attendibili, ad es. Google Play, App Store o il portale di formazione affidabile o quelli forniti dalla tua azienda o università/scuola.
  • Utilizza per le attività online solo reti sicure. Se non sei sulla tua rete e devi andare online, utilizza sempre una VPN (Virtual Private Network) per proteggere la tua connessione.
  • Digita sempre gli indirizzi web da solo. Mai fare clic su collegamenti o allegati o rispondere a messaggi non richiesti.
  • Esegui regolarmente il backup dei tuoi dati su un’unità esterna che tieni offline in questo modo eviterai di perdere tutto il lavoro effettuato.

DIPENDENTI E C-LEVEL CHE LAVORANO DA CASA

Mentre i governi di tutto il mondo reagiscono alla diffusione di Covid19 Coronavirus, stiamo assistendo ad un numero – senza precedenti – di persone che si connettono da remoto alle reti aziendali mettendo a dura prova:

  1. sia l’infrastruttura IT e
  2. sia la sicurezza aziendale.

Molte organizzazioni non sono preparate a gestire persone che lavorano da casa e, in un momento eccezionale e in tempo reale, stanno cercando di capire le sfide; per altre organizzazioni – più abituate – questo è un buon banco di prova per riesaminare la sicurezza dell’accesso da remoto ai sistemi aziendali.

Ogni volta che un dispositivo viene portato al di fuori dell’infrastruttura di rete dell’organizzazione e collegato a nuove reti e WIFI, i rischi si ampliano e aumentano.

Per ridurre i rischi informatici legati alla connessione da remoto l’organizzazione può adottare direttamente o richiedere a chi accede da remoto di adottare una serie di misure:

  • Fornire una VPN (Virtual Private Network) al personale per connettersi in modo sicuro alla rete aziendale.
  • Tutti i dispositivi aziendali, inclusi cellulari e laptop e i dispositivi mobili, devono essere protetti con un software di sicurezza adeguato per consentire ad es. la cancellazione dei dati dai dispositivi che vengono segnalati persi o rubati, la separazione dei dati personali dai dati di lavoro, la limitazione delle app che possono essere installate.
  • Implementare sempre gli ultimi aggiornamenti per i sistemi operativi e le app.
  • Limitare i diritti di accesso delle persone che si collegano alla rete aziendale.
  • Assicurarsi che il personale sia consapevole dei pericoli legati a rispondere a messaggi non richiesti.

 



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *