Massimo Balducci

Nato ad Ancona nel 1949 ha studiato in Italia al “Cesare Alfieri”, alla Columbia University, alla Albert Ludwigs Universitaet di Freiburg in Brg,, alla Hochschule fuer Oeffentliche Verwaltung di Speyer a. Rh, alla Essex University. Insegna o ha insegnato, alla Scuola di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze, allo European Institute of Public Administration di Maastricht, alla Scuola Nazionale di Amministrazione Roma, all’Università della Svizzera Italiana, alla Hochschule fuer Oeffentliche Verwaltung di Kehl a. Rh. È stato responsabile dei programmi dello European Network of Training Organizations of Local and Regional Authorities (ENTO). Collabora con UE, WorldBank, UNDP, Gemeinschaft fuer Internationale Zusammenarbeit,. È esperto del Center of Expertise on Local Government Reform del Consiglio d’Europa. È autore di numerose pubblicazioni in Francese, Inglese e Italiano in materia di analisi istituzionale e di public management. Tra l’altro è l’autore, negli anni ’80, dei concetti di “stato regolatore” e “stato funzionale” poi ripresi da tutta la letteratura mondiale.
Cosa è la Compliance

Ma cosa è questa Compliance?

15 January 2020

di Massimo BALDUCCI

Il termine compliance è entrato nell’uso comune. Ma sul significato di tale termine esistono in Italia molte incertezze e confusioni.

L’Agenzia delle Entrate usa il termine compliance per definire gli inviti bonari a controdedurre in via non contenziosa ad eventuali infrazioni evidenziate dall’Agenzia stessa o a pagare il dovuto con sanzioni ridotte.

Sembrerebbe qui che la compliance sia una sorta di forma di controllo soft messo in opera per contrastare infrazioni minori.

Continua a leggere

Europa_Cittadini

Navigare nella UE: Come funziona il meccanismo decisionale UE

11 January 2019

di Massimo BALDUCCI, Christiane COLINET, Giorgio NATALICCHI

Una guida per profittare della UE e orientarsi nel dibattito pro o contro la UE

La UE non è un buco nero, un mondo opaco dove le decisioni vengono prese all’oscuro dei cittadini. La realtà è esattamente l’opposto.

Questa parte presenta alcuni fatti che dimostrano che con le sue istituzioni la UE è meno lontana dalla società civile di quello che si creda. In effetti, i fatti mettono in luce uno scenario assai differente da quello presentato dal “coro”.

Continua a leggere

eu

Navigare nella UE : Europa Spazio o Europa Super-Stato?

21 December 2018

di Massimo BALDUCCI, Christiane COLINET, Giorgio NATALICCHI

Una guida per profittare della UE e orientarsi nel dibattito pro o contro la UE

La UE non è dunque uno Stato, non tanto perché sia una realtà incompiuta quanto perché si è scelto che la UE sia uno spazio di libera circolazione basato su norme e, sopra tutto, valori condivisi. Si tratta, quindi, di una realtà mai prima comparsa nella storia.

Continua a leggere

UE_Roudtable_Balducci

Navigare nella UE : dai Giudici alla Tavola Rotonda

12 December 2018

di Massimo BALDUCCI, Christiane COLINET, Giorgio NATALICCHI

Una guida per profittare della UE e orientarsi nel dibattito pro o contro la UE

Il dibattito pro o contro UE è in gran parte inficiato da due fattori:

(a) si ha una immagine della UE molto distorta e

(b) per interpretare la UE (realtà completamente nuova, mai apparsa sulla scena della storia) si utilizzano categorie del passato, in particolare la categorie di Stato e di democrazia rappresentativa di stampo ottocentesco.

Continua a leggere

Reinserimento Lavoro

Mitigare il Rischio Paese con il corretto Reinserimento Lavorativo

30 October 2018

di Massimo BALDUCCI

REDDITO DI CITTADINANZA, UFFICI PER L’IMPIEGO, AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Lezioni da apprendere da una rapido raffronto con altri Paesi

Il dibattito sul reddito di cittadinanza si fa sempre più serrato. Il dibattito interseca elementi di tipo moralistico con elementi di analisi economica e elementi di analisi istituzionale. Qui ci proponiamo di vedere se il raffronto con altri Paesi può aiutarci a capire il problema.

Il primo aspetto è quello etico. Nel mondo occidentale si crede che ci si debba guadagnare il diritto di vivere attraverso il lavoro. Nell’Italia delle repubbliche comunali del Rinascimento chi non era membro di una corporazione, chi, quindi, non fosse stabilmente inserito nel mondo del lavoro non aveva diritti politici.

L’articolo 1 della Costituzione Italiana si rifà a questa tradizione culturale e non significa che tutti i cittadini hanno diritto ad un posto di lavoro ma, al contrario, che solo chi lavora è un cittadino.

Continua a leggere

Appalti

Appalti & Controlli: come uscire dalla solita “furbizia italiota”

20 September 2018

di Massimo BALDUCCI

1. Premessa

Gli appalti UE sono tutti abbastanza chiaramente regolati da direttive UE, quello che varia, nei singoli Stati Membri, non è l’aspetto normativo ma la prassi e nella prassi la cultura gioca un grande ruolo. Gli appalti si articolano in:

Appalti di lavori Appalti di servizi Appalti di gestione in concessione Appalti d’opera (obbligo di mezzi non di risultati) Appalti di forniture Appalti per l’individuazione dei partners nel PPP (partenariato privato pubblico).

Qui prenderemo in considerazione gli appalti di lavori e gli appalti di concessioni relative alla prassi della PPP (partenariato pubblico privato).

Continua a leggere