News

Crisi Investimenti Bonds

I Senior Non Preferred Bonds: uno strumento innovativo

19 July 2018

 

di Ivo Invernizzi

Introduzione: i requisiti MREL e TLAC nella Direttiva BRRD

La direttiva BRRD (Bank Risk Resolution Directive 2014/59/UE) ha introdotto importanti novità per le banche in risoluzione dovuta a dissesto, volte a tutelare l’integrità patrimoniale dei creditori senior. In particolare, la banca deve essere dotata di un adeguato importo di passività assoggettabili a bail-in al fine di assorbire le perdite e ripristinare i requisiti patrimoniali.

Il primo requisito prudenziale per le fonti di finanziamento della banca è sintetizzato nell’acronimo MREL (Minimum Requirement for own funds and Eligible Liabilities). In sostanza si tratta di un requisito patrimoniale minimo volto ad assicurare la presenza di strumenti di debito prontamente liquidabili al verificarsi di un dissesto e in grado di assorbire le perdite senza inficiare il procedimento di liquidazione della banca, evitando effetti impropri sia su portatori d’interessi istituzionali prioritari, tipicamente depositanti e obbligazionisti senior, sia sul sistema finanziario inteso nella sua globalità.

Nel caso delle banche sistemiche (Global Systemically Important Institutions, G‐SII) il Financial Stability Board (FSB) ha indicato un requisito prudenziale aggiuntivo denominato TLAC (Total Loss Absorbing Capacity) specificando quali strumenti assolvono alla funzione di assorbimento delle perdite.

Continua a leggere

ethereum

Ethereum e i contratti intelligenti

13 July 2018

 

di Salvatore Carrano

“In cibernetica, una macchina intelligente è ogni macchina capace di imitare un comportamento ritenuto peculiare dell’intelligenza umana (giocare a scacchi, risolvere problemi di geometria, tradurre da una lingua in un’altra, ecc.), restando impregiudicato se tale imitazione sia limitata agli aspetti meno complessi e profondi del meccanismo di azione del pensiero, o invece possa spingersi, almeno in linea teorica, fino alla completa riproduzione di quel meccanismo.” Da questa definizione di intelligenza artificiale (AI), tratta da uno dei più conosciuti vocabolari della lingua italiana, l’imitazione del comportamento umano, restando impregiudicata, può limitarsi ad acquisizioni derivanti da criteri consequenziali e deterministici del tipo if-this-then-that o riguardare tecniche di apprendimento basate sul deep learnig.

Continua a leggere

Redazione
Redazione

BRI: le banche nascondono i debiti?

10 July 2018

 

Le banche nascondono temporaneamente i debiti per ottimizzare fiscalmente i profitti e le perdite? oppure per ottemperare alla reportistica regolamentare di Basilea? Qualche sorpresa, ha suscitato nei giorni scorsi la Relazione Economica Annuale 2018 (commento sulla situazione economica mondiale) della BIS (BRI, Banca dei Regolamenti Internazionali) per quanto riportato nel capitolo sul settore finanziario.

L’analisi della BIS evidenzia il ricorso, da parte dei gruppi bancari globali, ai contratti Pronti contro Termine (PcT) in corrispondenza delle date di segnalazione periodica di fine trimestre e/o fine anno per mantenere gli indici di indebitamento nei limiti dettati dalla vigilanza.

In questo modo gli indici a leva finanziaria assumono valori più bassi al momento delle segnalazioni – quando le banche ne hanno bisogno – e aumentano di valore all’inizio del trimestre successivo.

Si tratta di un artificio contabile simile a quello utilizzato da Lehman Brothers che dissimulava debiti e perdite attraverso arditi contratti PcT prima di finire travolta dal fallimento del 2008.

Continua a leggere

ASMELConvegno

Troppe Leggi, Nessuna Legge. Colpa dell’Anticorruzione o della Politica?

05 July 2018

Intervento di Francesco Pinto, Segretario Generale Associazione ASMEL

 

Il 25 giugno scorso ASMEL – Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti Locali con 2323 Soci in tutt’Italia – ha organizzato, il Convegno INNOVAZIONE NEGLI APPALTI. TRA COMPETENZA E LEGALITÀ.

Il tema centrale è stato l’evoluzione normativa e procedurale contenuta nelle Linee Guida dell’Autorità Anticorruzione (ANAC), i decreti attuativi e la relazione con le direttive europee.

Risk & Compliance ITALIA è lieta di pubblicare gli atti della Tavola Rotonda “Troppe leggi, nessuna legge. Colpa dell’Anticorruzione o della politica?” e il video del Convegno. (La Redazione)

Continua a leggere

data_protection_officer

Il DPO: compiti e requisiti professionali ai sensi del GDPR

03 July 2018

di Giuseppe Nucci

 

Il Responsabile della protezione dei dati (Data Protection Officer): quando è necessaria la nomina, cosa fa e quali sono i suoi doveri. ll General Data Protection Regulation (GDPR), applicabile dal 25 maggio scorso, ha introdotto, nella platea degli attori “tradizionali” – costituita dal “Titolare”, dal “Responsabile” e dall’ “Incaricato” – la figura del Responsabile della protezione dei dati(1), ormai noto con l’acronimo DPO (Data Protection Officer).

Si tratta di un nuovo ruolo che è facoltativo ad eccezione dei seguenti casi, in cui invece è obbligatorio, raggruppabili secondo:

Continua a leggere

Redazione
Redazione

BCE: la vigilanza, le priorità di rischio, le azioni di controllo

27 June 2018

 

Le grandi banche europee sono sottoposte alla vigilanza diretta della BCE che collabora strettamente con le Autorità Nazionali di Vigilanza nell’ambito del Meccanismo di Vigilanza Unico (MVU o SSM Single Supervisory Mechanism).

La BCE attraverso l’attività di vigilanza si propone 3 obiettivi principali:

garantire la sicurezza e la solidità del sistema bancario europeo; aumentare l’integrazione finanziaria e la stabilità; garantire una vigilanza coerente.

La BCE sorveglia tutte le banche (significative e meno significative) dei paesi partecipanti attraverso la supervisione diretta e indiretta.

Continua a leggere

digital-payments

La novità dei pagamenti istantanei al Digital & Payments Summit

26 June 2018

di Daniele Corsini

 

A Roma, si è svolto nei giorni scorsi il Digital & Payment Summit, appuntamento di riferimento sull’evoluzione del mercato digitale italiano e del sistema dei pagamenti nonché la migliore occasione per conoscere i trend emergenti, le nuove tecnologie e gli approcci più innovativi.

Daniele Corsini, uno dei nostri autori è stato invitato come relatore. Pubblichiamo il suo intervento incentrato sulla piattaforma TIPS della BCE per i pagamenti istantanei.

Continua a leggere

anticorruzione-e-trasparenza-2

Appalti: competenza, legalità e innovazione

19 June 2018

Intervento di Francesco Pinto, Segretario Generale Associazione ASMEL

 

Nel corso del Convegno L’INNOVAZIONE NEGLI APPALTI TRA COMPETENZA E LEGALITÀ, si terrà una tavola rotonda, coordinata dal dott. Francesco Cerisano, capo redattore del quotidiano economico ITALIA OGGI, sul tema TROPPE LEGGI, NESSUNA LEGGE. COLPA DELL’ANTICORRUZIONE O DELLA POLITICA?

Partecipano Francesco Pinto, Segretario ASMEL, Massimo Balducci, Università di Firenze, Ferdinando Pinto, Università Napoli e Carlo Marino, Sindaco di Caserta.

La tavola rotonda, organizzata da ASMEL, l’Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti Locali con 2323 Soci in tutt’Italia è stata programmata a fine maggio scorso, a seguito della presentazione, dei risultati di un Sondaggio commissionato all’Istituto IPR su un campione rappresentativo di funzionari ed amministratori locali, chiamati ad esprimersi sul bigottismo normativo, che affligge il nostro Ordinamento.

Continua a leggere

crypto_regolamento

La normativa sulle criptovalute

14 June 2018

di Salvatore Carrano

Se possedete delle criptovalute, chiedetevi perché le avete comprate; se aveste intenzione di comprarle, allora domandatevi perché vorreste farlo. Provate eventualmente a fare le stesse domande a dei vostri conoscenti che si trovino in una delle due situazioni e noterete che la risposta sarà presumibilmente uguale alla vostra e sempre la stessa: “Perché, sull’onda dei bitcoin, si nutre la speranza che in un futuro il valore di acquisto possa moltiplicarsi all’inverosimile e trasformare un investimento irrisorio in un consistente capitale”. E, qualora non ci credeste più di tanto, l’effetto FOMO (acronimo di Fear Of Missing Out), ossia il timore di non cogliere un’opportunità e, quindi, essere tagliato fuori dall’approfittare di un’occasione estremamente favorevole, vi spinge a seguire l’esempio di una massa di persone che compie un’azione. Comunque, è fuori dubbio che chiunque abbia avuto la fortuna, l’intuito o magari l’incoscienza di comprare anche solo cento euro di bitcoin nei primi due anni di vita della valuta, oggi quell’investitore è una persona che si ritrova ad avere guadagnato almeno un milione di euro esentasse.

Continua a leggere