Le criptovalute: il ruolo delle Banche Centrali

12 February 2018

Intervento di Agustin Carstens, General Manager di BIS (Banca dei Regolamenti Internazionali) alla Goethe University-Frankfurt, 6 February 2018

 

A fronte della diffusione delle criptovalute, le autorità devono essere pronte ad agire.
Le autorità devono provvedere alle necessarie predisposizioni per contrastare la diffusione massiccia delle criptovalute al fine di proteggere i consumatori e gli investitori, ha affermato Agustín Carstens, Direttore Generale della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI).

Nel suo discorso “Money in the digital age: what role for central banks?”, Carstens ha dichiarato che, affinché la moneta mantenga il suo valore, deve essere sostenuta da istituzioni affidabili che godono della fiducia dei cittadini. Ecco perché le banche centrali hanno un ruolo chiave.

“L’ascesa fulminea delle criptovalute non dovrebbe farci dimenticare l’importante ruolo che le banche centrali hanno in quanto depositarie della fiducia pubblica”, ha affermato Carstens nella conferenza organizzata a Francoforte da Sustainable Architecture for Finance in Europe (SAFE), Center for Financial Studies e Deutsche Bundesbank. “Token digitali privati che si travestono da valute non devono minare questa fiducia”, ha aggiunto.

Le nuove tecnologie sono molto promettenti, ad esempio per quanto riguarda una maggiore efficienza dei sistemi di pagamento. Ma per questo non c’è bisogno delle nuove valute. Le autorità hanno il dovere di assicurarsi che i progressi tecnologici non siano usati per legittimare profitti derivanti da attività illegali nonché quello di educare e proteggere gli investitori e i consumatori, ha dichiarato Carstens. Devono inoltre garantire che le criptovalute non si consolidino e non rappresentino un rischio per la stabilità finanziaria.

“Nuove tecnologie non significa per forza tecnologie migliori o economia migliore”, ha spiegato Carstens.

“Lo si vede chiaramente con il Bitcoin: sebbene sia stato forse concepito come un sistema di pagamento alternativo che non necessita dell’intervento del governo, si è ora trasformato in una bolla, uno schema Ponzi e un disastro ambientale”.

Le forti oscillazioni di prezzo, gli elevati costi di transazione e una mancanza di protezione dei consumatori e degli investitori rendono le criptovalute rischiose e inadatte a ricoprire il ruolo della moneta in quanto metodo di pagamento condiviso, riserva e misura di valore, ha affermato Carstens.

Le banche centrali e le autorità finanziarie dovrebbero prestare particolare attenzione ai legami tra le valute reali e le criptovalute e assicurarsi che queste ultime non diventino parassiti dell’infrastruttura istituzionale dell’intero sistema finanziario. Per garantire la parità tra tutti gli operatori dei mercati finanziari, l’accesso ai servizi bancari e di pagamento legali dovrebbe essere limitato a quegli scambi e prodotti che rispettano gli alti standard riconosciuti, ha aggiunto.

“Ciò significa ‘stesso rischio, stessa regolamentazione’. Senza eccezioni”, ha concluso.

 

LINK al testo integrale del discorso

 



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *